Catene

Saltando da una paura all’altra era arrivata a Domenica sera.
La notte precedente era stata tormentata dal pensiero del case report, una data il 26 settembre,impossibile da considerare e lei aveva deciso di lasciar perdere definitivamente. Non l’aveva detto nemmeno a Lavinia…e come avrebbe potuto? La parte di sé più egoista e fuori di testa le faceva dire che no, non era giusto così come non era giusto il voltafaccia della gente di merda che reggeva le sorti di quella che si insisteva a chiamare città pur trattandosi di fogna,un posto dove i leccaculo la spuntavano sempre sul migliore.
Però capiva Lavinia che forse sarebbe dovuta scappare via di corsa senza guardarsi indietro, lasciare tutto, perché non si può combattere contro i mulini a vento tutta la vita. Poi ci si stanca e si ha il diritto sacrosanto alla tranquillità.
La prospettiva di un eventuale abbandono la terrorizzava, ma in questo frangente le sue emozioni non contavano un cazzo.
Quasi per caso,prima che Lavinia la chiamasse aveva fatto lo stesso discorso a se stessa cominciando a spulciare tutti i concorsi e le offerte di lavoro al nord. Probabilmente il pensiero di dover riaprire il nido la terrorizzava,temeva un anno come il precedente, segnato da continui litigi e incomprensioni.
O forse il problema era che vedeva il tempo passare,alla morte della madre sarebbe stata completamente sola e ricominciare da un’altra parte le avrebbe tolto la catene, avrebbe potuto vivere invece di farla finita.
Non avrebbe lasciato nulla dietro di sé, la nana bionda ormai era cresciuta e il sul compito era finito.
“Faccio l’ultimo anno e chiudo, ma questa volta sul serio” aveva detto alla regina madre aspettandosi il solito rimprovero, la risposta però era stata inaspettatamente diversa: ” Forse hai ragione tu..dovresti proprio andar via..”
Alle 2 del mattino pregava Dio, o chi per lui,di farla dormire almeno un paio d’ore, ma i presupposti erano tutt’altro che buoni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...