89

L’inverno stava passando velocemente, le giornate più lunghe, i mandorli fioriti, i bimbi del nido che stavano crescendo, nessuno piangeva più all’ingresso.
La vita è strana. Se ripensava a quanto successo nell’ultimo anno le venivano in mente le tessere di un domino. Se non ci fosse stata la malattia di sua madre e il conseguente ritorno dell’ansia, forse non avrebbe avuto il coraggio di mandare a fanculo S.,non ci sarebbe stata Lavinia, Tancredi, il ritorno al lavoro. Forse.
Forse stava andando tutto troppo di corsa, in realtà lei il tempo avrebbe voluto fermarlo. Passato l’inverno non puoi più nasconderti, ma almeno puoi riprendere lo scooter e sentire il vento sulla faccia, l’aria che ti accarezza e almeno per una volta non fa male.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...