59

Ore 01.44

Stava proseguendo, qualcuno avrebbe detto anche in maniera abbastanza tranquilla , ma quella notte si stava facendo del male.
Non aveva scambiato una parola con nessuno per l’intera giornata,
e questo per il mondo andava bene e allora lei era rimasta seduta al suo tavolino con i suoi pennelli e aveva tirato la tenda perché il mondo fuori non voleva proprio vederlo.
Finalmente era arrivata la notte, rimaneva solo un altro giorno, ma adesso non riusciva più a controllarsi, aveva cominciato a ricercare sintomi di malattie, eventuali reparti dove curarsi e si poneva la stessa ossessiva domanda da due ore:” chi si sarebbe occupato di lei se le fosse successo qualcosa?”
Non avrebbe voluto che finisse così, era stata brava fino in quel momento, niente messaggi o telefonate mute, niente crisi manifeste. Infondo la colpa era stata soltanto sua.
Forse si guariva così, ma la paura non conosce razionalità e cerca di venir fuori comunque.
Cosa avrebbe dovuto dire? Che questa cosa del silenzio non stava funzionando, che aveva la sensazione di impazzire, che cosa?
No, non poteva. Sarebbe passata perché la paura si sarebbe messa a dormire fino alla volta successiva e lei sperava che il sonno fosse molto lungo o magari una dormiveglia che le permettesse di non disturbare il mondo con le sue paranoie.
E poi non capiva perché quel giorno fosse stata tormentata da continui flash-back che riguardavano il bastardo. Forse perché un natale di tanti anni fa, durante una crisi, l’aveva presa e baciata, in quella stanzetta, con la scusa di tranquillizzarla.
Avrebbe preferito ripensare a S., ma di lui nemmeno un ricordo.
La mente fa scherzi strani, collega tutto con una logica che può sembrare senza senso, ma in realtà non lo è per niente.
Ad un certo punto la cinepresa si era spenta, i ricordi erano terminati con tanto di titoli di coda.
Ma quella notte non stava piangendo. Non piangeva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...