56

Uscire, scrivere, piangere, sentire il peso della propria esistenza, consolare, ascoltare, aspettare, soffocare e ricordare
Verbi confusi, azioni, atti e intenzioni non compiuti.
Riprendere a scrivere, dopo uno stop anche breve,diventa difficile, come se le parole fossero murate dentro e anche uscire può diventare una tragedia immane, soprattutto nei giorni di natale, in cui devi per forza essere qualcosa o qualcuno che non potrai mai essere.
Aveva pianto molto, durante una crisi d’ansia tremenda ed era rimasta esausta, stanca e spaventata. Cosa fosse esploso in lei di talmente forte da ridurla allo stato in cui era caduta, incapace di calmarsi, se non dopo parecchio tempo. Si vergognava a raccontarlo anche a se stessa.
Sentire il peso della propria esistenza è il minimo, quando cerchi di seguire un programma come telethon e devi spegnere perché capisci che non hai nemmeno diritto di esistere.
Consolare l’amica che ha appena detto addio al suo amore impossibile, ascoltarla per ore, al telefono e un po’ invidiarla per la sua capacità di buttare via il veleno. Rimanere lì, a dirle di provare a vivere attimo per attimo, di non pensare a come sarebbe sopravvissuta senza di lui, perché in quel momento stava già vivendo. Predicare bene e razzolare male.
Ascoltare Sandra, ripeterle per due giorni che una tonsillite, per quanto fetente e scassa coglioni per una bimba di appena due anni, non la faceva essere una cattiva mamma. Lei era già stupenda così.
Aspettare che qualcuno venisse a consolarla a tirarla fuori dalla sua bolla di vetro, ma non consentire in realtà a nessuno di avvicinarsi troppo.
Soffocare la voglia di dire tutto, soffocarla per paura di essere cacciati via per l’ennesima volta, piuttosto meglio star zitti. Non voleva che Lavinia la mandasse via. Allora si teneva i suoi pensieri.
Ricordare lui, perché nel periodo Natalizio aumentano i turni e quindi la possibilità di vedersi e parlarsi. Ormai erano passati 9 mesi, però cazzo le mancava e anche se sapeva che non le apparteneva più, riconosceva che non si sarebbe innamorata di nessun altro. Non sarebbe stata in grado di costruire quella fiducia.

Annunci

Un pensiero su “56

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...