42

Era talmente stanca quella sera che anche i pensieri e la paura avevano compassione di lei.
Come al solito si chiedeva perché dovesse sentirsi sempre fuori posto e sempre tremendamente spaventata.
In tv si era parlato tutto il giorno di violenza sulle donne.
Nell’immaginario la violenza sulle donne è il femminicidio, lo sfregio permanente. Quella è solo la punta dell’iceberg.
La violenza può essere molto sottile, non lasciarti segni sul corpo, ma riuscire lo stesso a devastarti l’anima.
Spesso arriva perché sei già fragile, perché attraversi un periodo difficile e non riesci a difenderti. Questa è l’unica colpa. Non riuscire a difendersi perché erroneamente si pensa che quella persona che ci fa male possa salvarci. Quando te ne accorgi uscirne fuori è dura e comunque non è detto che sia finita.
Vorresti che la gente capisse, vorresti essere stata creduta quando avevi 19 anni, vorresti che chi ti ha procurato quel dolore non fosse libero e sereno. Avrebbe dovuto proteggerti, aiutarti e invece….
Il tempo può passare, ma certe cose non si dimenticano. Mai

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...