1

Un nuovo inizio, ancora, l’ennesimo, ancora le parole a cui affidarsi per salvarsi dalla pazzia.                                                     Ogni inizio comincia sempre da una fine, e ogni inizio e solo l’inizio di una nuova fine.                                                          Quanti inizi in quella vita, inizi che si sono portati dietro volti, assenze, odori, suoni, i                                                                    inizi che sono rimasti sospesi  e che si intrecciano tra loro creando delle trame così fitte da non riuscire più s trovare una via d’uscita.

Parole.                                                                                                                                                                                             Entità singole che isolate dal contesto possono non significare nulla, ma che se unite insieme possono tracciare il disegno di una vita.

Lei era li.                                                                                                                                                                                     Pensava che le parole appartenessero al passato, sperava ingenuamente di non averne più bisogno e invece la loro urgenza si era fatta sentire prepotente e avevano squarciato, ancora una volta, quel muro in cui lei si era rifugiata.Le davano quasi fastidio. Si chiedeva se non fosse stato meglio chiudere gli occhi per no vederle, urlare a squarciagola per soffocarle, ma loro erano bastarde, aspettavano di essere collocate nel giusto modo, per trovare un ordine e lo facevano a sua insaputa.

Momenti                                                                                                                                                                                   Quelli in cui galleggi per la strada e incontri casualmente qualcuno a cui vorresti chiedere di portarti via e di proteggerti dalla tua stessa mente ma invece di farlo ti perdi in altre inutili parole che inevitabilmente  distruggono le buone intenzioni.

Due giorni prima                                                                                                                                                                         Freddo, mare, sole, distanze, silenzi, mani che non si stringono, abbracci che non si incrociano, sguardi che trapassano. Lei non era mai stata dipendente da nulla di materiale. Mai una sigaretta, niente alcolici, quasi invidiava chi riusciva ad aggrapparsi ad un “qualcosa”  che fosse reale. Lei no. Lei era dipendente dall’affetto, la più viscida e perfida  tra le droghe e soltanto perché non può essere vista e compresa. Adesso doveva disintossicarsi dall’idea di quella presenza ben consapevole del fatto che non esistono comunità di recupero e devi continuare a rimanere nel mondo. Perché per tutti è una roba da niente.

Annunci

7 pensieri su “1

  1. “…Lei non era mai stata dipendente da nulla di materiale. Mai una sigaretta, niente alcolici, quasi invidiava chi riusciva ad aggrapparsi ad un “qualcosa” che fosse reale. Lei no. Lei era dipendente dall’affetto, la più viscida e perfida tra le droghe e soltanto perché non può essere vista e compresa. Adesso doveva disintossicarsi dall’idea di quella presenza ben consapevole del fatto che non esistono comunità di recupero e devi continuare a rimanere nel mondo….”
    Sono io…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...